Brand Naming: un regalo che emoziona e coinvolge il pubblico

Brand Naming: un regalo che emoziona e coinvolge il pubblico
2 Aprile 2014 synesia

UN REGALO DAL NOME BRAND

Il brand name è l’inizio di una storia di successo, la chiave musicale che consente al concerto comunicato dal brand di essere intonato, il segno di riconoscimento che accompagna e riassume la sua intera storia. Il nome del brand è certamente uno degli elementi più emotivi della sua identità: è destinato a creare sensazioni, a coinvolgere, a sedurre, a raccontare e a ricordare.
Ci sono tre elementi fondamentali che contribuiscono al brand storytelling: per primo la melodia comunicata dal suono della parola; secondo, la forma stessa della parola, data sia dalla sua origine linguistica che dalla sua forma grammaticale; e terzo, il suo significato vero e proprio, che nel tempo si arricchisce della sua storia. Il nome diventa il brand, ed è proprio per questa sua capacità di sintesi che risulta importante individuarlo sulla base dei suoi valori specifici piuttosto che dalle sue caratteristiche fisiche e funzionali.

Pur essendo nati ‘per caso’ dai cognomi dei fondatori, grandi nomi storici come FERRARI o CHANEL illustrano a meraviglia la capacità evocativa dei suoni. Di FERRARI ad esempio è curioso scoprire quanto la melodia del nome sia coerente con i valori della Rossa di Maranello: la composizione consonantica [frrr] richiama la velocità e la fluidità combinata ad un forte ronzio dato dalla tripla ripetizione del suono [r]. Il suono [shanel] di CHANEL esprime invece dolcezza, leggerezza, femminilità ed eleganza.

Il mercato di oggi è caratterizzato non più dalla vendita di prodotti e servizi ma da quella di sogni e messaggi. La qualità del prodotto è ormai scontata se si vuole consolidare un nuovo brand, e la differenza tra due proposte commerciali simili viene dalla dimensione emotiva di cui sono rivestite: APPLE o MICROSOFT? BACIO o CIOCCOBON? ZALANDO.com o SHOES.com? Da questi altri esempi si comprende quanto il nome sia capace di contribuire all’unicità del brand, di facilitare la sua comunicazione e di suscitare emozioni. Andare oltre il richiamo diretto al prodotto, consente alla comunicazione di trovare un terreno fertile sul quale costruire una storia unica e distintiva. Il brand è sentimento, movimento e appartenenza, ma anche mistero, sensualità e familiarità, e questa dimensione di pura seduzione è più giustamente espressa attraverso un nome simbolico, capace, già dalla sua pronuncia, di fare emergere un mondo colmo di immagini, sensazioni, profumi, gusti, ecc…

* Scritto da Béatrice Ferrari per la Rubrica Comunicando

 

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*